Roberto Cavallaro
biografia pittura scultura foto news recensioni contatti

Roberto Cavallaro: Pittore un po’ etnologo, archeologo, antropologo
L’avere seguito Roberto in questi ultimi anni attraverso le sue mostre mi ha fornito alcuni elementi di valutazione che ritengo possano aiutare a comprendere il percorso da Lui stesso tracciato nella storia della Sua giovane ma intensa attività artistica. Evidentemente lo spirito di Roberto risente di quel connubio genetico che unisce il mondo greco al mondo latino essendo figlio di madre greca e di padre siciliano entrambi impegnati, con interessi diversi, nel mondo artistico culturale.
La Sua produzione artistica, per chi non lo conosce profondamente, potrebbe disorientare poiché i temi scelti in un primo momento non lasciano intravedere la sua versatile interiorità. Solo uno studio attento può aiutare a comprendere l’avanzamento di quel progetto che vuole mettere l’uomo al centro delle Sue attenzioni; infatti la sua produzione artistica a poco a poco diventa la celebrazione dell’uomo nel mondo e nel tempo.
Nella sua giovane età, che l’ha visto viaggiatore curioso e appassionato, ha condiviso con alcune etnie africane intense esperienze di vita e in quelle occasioni Roberto ha fuso il Suo spirito con le tradizioni vive di quei popoli, che gli scolpiscono un mondo ricco di storia non intrisa di incrostazioni “moderne”. Innesta così nella Sua anima una genuina simpatia per quel mondo fatto essenzialmente di autenticità che si avvicina sempre più alla necessità di rispettare l’uomo nella Sua discendenza divina.
Successivamente Roberto passa a Parigi dove, a contatto con la fotografia, il cinema e la pittura d’avanguardia, trae ispirazione per la Sua nuova fase artistica. Questa volta usa il simbolismo tecnologico; per rappresentare quell’uomo che forse ama di meno infatti si serve di oggetti che non suscitano emozioni e sono sinonimo di consumismo e di fredda consuetudine.

continua